Storie Correlate

Chiedere il part time è un diritto di un collaboratore concederlo è una grande responsabilità. Secondo la mia esperienza, quando ci sono troppi part-time il titolare rischia di perdere il controllo della farmacia e le motivazioni sono diverse.
Per noi è un piacere vedere Deborah sotto il tetto di Fattoria dei talenti e non solo perché è la prima socia ad entrare, dopo la costituzione dei soci fondatori. Deborah è una persona appassionata e carica di energia, qualità che in Fattoria dei talenti sono indispensabili.
Ogni giorno manager e imprenditori si trovano a gestire situazioni favorevoli o meno che generano notevoli quantità di stress. Se si è riusciti a creare una squadra coesa significa che il manager ha dedicato tempo ed energia alla crescita del gruppo formando, spingendo, coinvolgendo tutti i collaboratori verso la meta.

Il talento perfetto per la tua azienda: 5 segreti per riconoscerlo al primo incontro

Confronto e informazione sono gli strumenti che ci permettono di essere sempre al passo con i tempi e garantire supporto a tutti coloro che hanno creduto e credono nel nostro progetto di Fattoria dei Talenti.
Un’interessante analisi della KPMG, uno dei più grandi network internazionali di servizi professionali alle imprese, lo scorso mese ha parlato di talenti, tematica ampiamente trattata nei due appuntamenti in diretta su LinkedIn intitolati “I talenti: la linfa aziendale”.

L’analisi ha mostrato come sono cambiate, prima e dopo il Covid-19, la percezione dei rischi e le priorità dei CEO: il talent risk, che nei primi mesi del 2020 era relegato all’ultimo posto dei rischi percepiti, nei mesi scorsi risulta al primo posto della classifica, insieme a capitale umano, purpose e sostenibilità. Abbiamo già parlato di talenti all’interno dell’azienda, abbiamo raccontato che ognuno di noi ha dei talenti più o meno nascosti. Abbiamo ripetuto che non si tratta solo di competenze tecniche, ma soprattutto di soft skills.

Ma come capire quando siamo di fronte a un talento al momento del colloquio?

L’ufficio HR di un’azienda, o direttamente il manager nelle realtà più piccole, svolge, tra gli altri, l’importante e arduo compito di reclutamento, selezione ed inserimento in azienda di nuovi dipendenti. Le prime due, il reclutamento e la selezione, sono fasi delicate che richiedono una grande sensibilità e abilità. È proprio questo il momento in cui si ha la possibilità di incontrare persone incredibilmente talentuose. Per una riuscita ottimale del colloquio, uno dei primi aspetti a cui prestare attenzione è tenere basso il livello di stress: mettere a proprio agio il candidato per fare in modo che dia il meglio di sé e che non si senta minacciato o in tensione. C’è chi addirittura preferisce organizzare il primo colloquio in un bar o un luogo informale, per “combattere ad armi pari” in un ambiente neutro.

Luogo informale e stress a parte, quali sono gli elementi chiave che devono far capire al recruiter se è di fronte a un talento perfetto per la propria azienda?

Io, qui di seguito, ve ne indico cinque per me fondamentali:

  1. ESPERIENZE – Il curriculum vitae è importante, è il biglietto da visita del candidato, la sua carta d’identità. Ma il segreto è non soffermarsi unicamente sulle esperienze strettamente legate alla figura professionale ricercata: il segreto è soffermarsi anche sulle piccole esperienze, sulle soft skill, su quel mese di volontariato relegato in fondo al CV. Dietro ogni esperienza può nascondersi il migliore talento.
  2. VALORI – Durante il colloquio cercare di individuare un possibile allineamento di valori e una possibile condivisione della vision aziendale. Comprendere l’etica del lavoro di chi si ha di fronte è necessario per capire se il futuro dipendente può contribuire attivamente al disegno generale e alla strategia aziendali. L’integrità professionale è senza dubbio tra le caratteristiche più complicate da individuare al primo colloquio, ma il segreto è porre le domande giuste. Ad esempio: qual è la decisione più difficile che hai dovuto prendere nella tua vita?
  3.  “NOI” – Quanto è difficile esprimersi con il “noi” anziché l’”io”? Questa è una tendenza che porta ad avere una visione di gruppo e un atteggiamento orientato verso gli altri. Leggendo tra le righe: colui che parla al plurale in modo naturale quando si proietta all’interno della sua futura azienda sarà più propenso al team work, all’integrazione, alla collaborazione. L’inserimento in azienda sarà un gioco da ragazzi.
  4. DOMANDE – Fare domande è importante, ma ascoltare il candidato e fare in modo che sia lui a porre le domande (giuste) lo è ancora di più. Le persone curiose, preparate e interessate sono tra i migliori talenti da avere nella propria azienda.
  5. ISTINTO – A volte è semplicemente necessario fidarsi del proprio istinto. Ci sono alcuni candidati con cui si crea un’empatia improvvisa e immediata, una sintonia che non lascia spazio a dubbi. Secondo le informazioni raccolte da Undercover Recruiter, le prime impressioni sono incredibilmente potenti e che “il 33% dei capi sa entro i primi 90 secondi di un colloquio se assumerà qualcuno”. Se non è istinto questo…

E tu hai un elemento chiave che ti permette di capire quando sei di fronte a un talento? Ti va di condividerlo?

Ugo D’Alberto

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su email
Email

Leggi anche

Chiedere il part time è un diritto di un collaboratore concederlo è una grande responsabilità. Secondo la mia esperienza, quando ci sono troppi part-time il titolare rischia di perdere il controllo della farmacia e le motivazioni sono diverse.
Un piacevole ritorno. Le nostre vite professionali si erano già incontrate due volte e in entrambi i casi abbiamo potuto..
L’arrivo di Umberto in Fattoria dei Talenti è la dimostrazione che il nostro progetto è fatto sulle persone e sulla voglia di aggregare esperienze diverse, per dare ai nostri clienti tanti punti di vista e un solo risultato; il migliore. Umberto è un professionista solido, esperto in lean organization e ha lavorato in aziende molto strutturate.
“Insieme con passione e divertimento per la miglior qualità di vita”. Forse avrai già letto la vision, la mission e i valori di qualche azienda e quindi hai un’infarinatura dell’argomento. Forse leggendola, ti sarai chiesto a quale azienda possa appartenere una vision così appassionata.
Per noi è un piacere vedere Deborah sotto il tetto di Fattoria dei talenti e non solo perché è la prima socia ad entrare, dopo la costituzione dei soci fondatori. Deborah è una persona appassionata e carica di energia, qualità che in Fattoria dei talenti sono indispensabili.
Ti capita di pensare che hai lavorato per anni con buoni risultati e dubbie soddisfazioni? Eppure, ti sei dedicato alla tua crescita professionale, ti sei impegnato e alcuni dei tuoi traguardi li hai ottenuti.
Andrea è il socio più giovane di Fattoria e ha subito trasferito l’autodisciplina e l’impegno del nuoto nel lavoro.

Anche tu, come noi

Se anche tu, come me, ti senti un po’ manager e un po’ coltivatore e ti piace condividere il sapere e i frutti del tuo lavoro puoi essere parte di questa comunità.

Siamo qui per darti una mano!

Dicci pure come possiamo aiutarti..