Storie Correlate

Andrea è il socio più giovane di Fattoria e ha subito trasferito l’autodisciplina e l’impegno del nuoto nel lavoro.
Chi incontra Sonia per la prima volta sente la sua energia positiva, ha la capacità di trasferire fiducia ed equilibrio in pochi istanti.

Con gli occhi di un bambino

Sono sconcertato di come tante persone che incontro nella vita privata e nel lavoro facciano fatica ad accettare il cambiamento. Niente di nuovo, lo dicono tanti consulenti e formatori da anni. Il concetto di zona di comfort è ormai molto diffuso. E allora qual è il mio contributo? Amo la comunicazione e purtroppo assisto spesso al suo sacrilegio, cioè, a persone che la utilizzano male anche verso sé stesse.

Se parlo di comunicazione, il mio primo mentore è stata Tania Bianchi. Donna di una lucidità fuori dal comune e con una grande capacità di rendere semplici cose che altri spigavano in modo complicato o tecnico. Torno quindi al cambiamento perché, come faceva Tania, voglio rendere la cosa facile. Do per scontato che in questo momento tutte le persone stanno affrontando almeno un cambiamento o si stanno ponendo nella condizione di affrontarlo o rimandarlo.
Il cambiamento non sarebbe complicato se non per il fatto che a renderlo spesso inaccettabile è la paura del fallimento.

  • Il cambiamento è una componente “naturale” della nostra vita.

  • Da quando siamo nati, quante volte lo abbiamo attivato?

  • Tantissime, solo che non ci pensiamo.

Infatti, adesso camminiamo ma, quando siamo nati non lo facevamo ancora. I bambini più sono piccoli è più convivono con il cambiamento, è parte del loro “naturale” processo di crescita. Anzi il cambiamento si mischia con il gioco. Adesso ti sembra più familiare e meno brutta la parola cambiamento?
E allora che diavolo succede crescendo?

Succede che nel mondo degli adulti c’è sempre qualcuno che ha delle aspettative su di noi: Il tuo capo, il tuo collega, i tuoi amici, il tuo partner. E se non le ottemperiamo veniamo visti come coloro che hanno “fallito”. E non credo che nella cultura dominante occidentale la parola “fallimento”, a torto, sia portatrice di buone emozioni. Chi di noi vorrebbe sentirsi un fallito?

Quindi, non è il cambiamento il problema ma le possibili conseguenze negative che produrrebbe un’emozione che noi rifuggiamo. Anzi, ad andare alla radice, il problema è cosa pensano gli altri di noi. E quindi, sempre per farla facile, se dai meno importanza agli altri e fai quelle che serve a te, il sole sorge ugualmente e il mondo non crolla.

Se stai pensando a un cambiamento, anche impegnativo e pensi che sia utile per la tua vita, mettilo in atto e non perdere tempo. Gli altri se ne faranno una ragione e tu avrai guadagnato qualche anno di qualità di vita migliore. Il tempo è la risorsa più preziosa che abbiamo, non serve avere 80 anni per rendersene conto.
E sei vuoi cambiare e non sai da che parte iniziare, osserva i bambini e fatti ispirare. E se non bastasse, fatti aiutare ma, fallo. Non scendere a compromessi. E’ la qualità della tua vita in gioco.

Leggi anche

I millenial sembra siano propensi a cambiamenti di lavoro frequente. Una scelta consapevole o la conseguenza del precariato sempre più diffuso? Qualche dato ci aiuta a capire le motivazioni e cosa un manager dovrebbe fare, per governare con successo la sua area coinvolgendo in modo adeguato i millenial.
Chi incontra Sonia per la prima volta sente la sua energia positiva, ha la capacità di trasferire fiducia ed equilibrio in pochi istanti.
Andrea è il socio più giovane di Fattoria e ha subito trasferito l’autodisciplina e l’impegno del nuoto nel lavoro.
La terra in Autunno è avvolta nel silenzio. Osservando la natura circostante, in questo momento vediamo che almeno in apparenza, la sua funzionalità vitale è ridotta ai minimi termini.
Un buon manager sa che deve tenere il controllo della sua area attraverso una corretta pianificazione. Quante volte invece si sente questa esclamazione: “non ho tempo per fare tutto quello serve, ogni giorno ci sono imprevisti che richiedono la mia attenzione”. Gli imprevisto o urgenze sono fra le prime cause del perché l’azienda non sta ottenendo i risultati desiderati.
L’arrivo di Umberto in Fattoria dei Talenti è la dimostrazione che il nostro progetto è fatto sulle persone e sulla voglia di aggregare esperienze diverse, per dare ai nostri clienti tanti punti di vista e un solo risultato; il migliore. Umberto è un professionista solido, esperto in lean organization e ha lavorato in aziende molto strutturate.

Anche tu, come noi

Se anche tu, come me, ti senti un po’ manager e un po’ coltivatore e ti piace condividere il sapere e i frutti del tuo lavoro puoi essere parte di questa comunità.

Siamo qui per darti una mano!

Dicci pure come possiamo aiutarti..