Storie Correlate

Ti capita di pensare che hai lavorato per anni con buoni risultati e dubbie soddisfazioni? Eppure, ti sei dedicato alla tua crescita professionale, ti sei impegnato e alcuni dei tuoi traguardi li hai ottenuti.
Chiedere il part time è un diritto di un collaboratore concederlo è una grande responsabilità. Secondo la mia esperienza, quando ci sono troppi part-time il titolare rischia di perdere il controllo della farmacia e le motivazioni sono diverse.

Il Leader part time

IL LEADER PART-TIME

Ogni giorno manager e imprenditori si trovano a gestire situazioni favorevoli o meno che generano notevoli quantità di stress. Se si è riusciti a creare una squadra coesa significa che il manager ha dedicato tempo ed energia alla crescita del gruppo formando, spingendo, coinvolgendo tutti i collaboratori verso la meta. Questo richiede uno sforzo davvero importante ma è anche il miglior investimento che si possa fare.

Il mio lavoro mi permette di incontrare tutti i giorni manager e imprenditori e di una cosa sono certo, queste persone si fanno un mazzo assurdo.

Difatti non ho mai incontrato imprenditori fancazzisti ma persone che si sono davvero impegnate per creare un azienda tante volte partendo da zero. Dedicando tempo, energie e denaro per la realizzazione di qualcosa di grande. Parlo di persone che hanno tolto tempo ad altri aspetti della loro vita per dedicarlo all’azienda. A volte capita che nelle aziende create con tanta fatica e tanto impegno ad un punto si blocchi la crescita come se si fosse arrivati ad un confine invisibile oltre al quale è impossibile andare e arrivati a quel limite spesso si decresce, a volte si implode. Ora la domanda è perché???

Forse Perché non hai creato un azienda ma un feudo nel quale tu sei il signore e tutti i collaboratori semplici plebei che servono a portare avanti tutte le normali operatività che tu non puoi più gestire, ma che sia ben chiaro tu riesci a fare prima e meglio, e questo ti porta ad un limite fisico il tuo, oltre al quale non puoi andare. Come dicevo prima non conosco imprenditori fancazzisti e nemmeno distruttori di aziende consapevoli. Solitamente chi si trova in questa situazione non si rende conto di essere il problema quindi nessuno si rispecchierà in quello che ho scritto ma voglio darvi qualche indizio che vi può aiutare:

  • Collaboratori che dopo aver dato buone prestazioni pian piano si spengono

  • Azienda che non cresce oltre ad un tot fatturato

  • Azienda che non cresce oltre ad un tot di persone

  • Tu che non hai più tempo

  • Collaboratori poco coinvolti

Se ti sei trovato in una o più di queste situazioni ti do una notizia sei un leader part time e tra tutti i ruoli che conosco questo davvero non si può fare nei ritagli di tempo…Riflettete….

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su email
Email

Leggi anche

Chiedere il part time è un diritto di un collaboratore concederlo è una grande responsabilità. Secondo la mia esperienza, quando ci sono troppi part-time il titolare rischia di perdere il controllo della farmacia e le motivazioni sono diverse.
Un buon manager sa che deve tenere il controllo della sua area attraverso una corretta pianificazione. Quante volte invece si sente questa esclamazione: “non ho tempo per fare tutto quello serve, ogni giorno ci sono imprevisti che richiedono la mia attenzione”. Gli imprevisto o urgenze sono fra le prime cause del perché l’azienda non sta ottenendo i risultati desiderati.
Sono sconcertato di come tante persone che incontro nella vita privata e nel lavoro facciano fatica ad accettare il cambiamento. Niente di nuovo, lo dicono tanti consulenti e formatori da anni. Il concetto di zona di comfort è ormai molto diffuso. E allora qual è il mio contributo?
I millenial sembra siano propensi a cambiamenti di lavoro frequente. Una scelta consapevole o la conseguenza del precariato sempre più diffuso? Qualche dato ci aiuta a capire le motivazioni e cosa un manager dovrebbe fare, per governare con successo la sua area coinvolgendo in modo adeguato i millenial.
Per noi è un piacere vedere Deborah sotto il tetto di Fattoria dei talenti e non solo perché è la prima socia ad entrare, dopo la costituzione dei soci fondatori. Deborah è una persona appassionata e carica di energia, qualità che in Fattoria dei talenti sono indispensabili.
L’arrivo di Umberto in Fattoria dei Talenti è la dimostrazione che il nostro progetto è fatto sulle persone e sulla voglia di aggregare esperienze diverse, per dare ai nostri clienti tanti punti di vista e un solo risultato; il migliore. Umberto è un professionista solido, esperto in lean organization e ha lavorato in aziende molto strutturate.

Anche tu, come noi

Se anche tu, come me, ti senti un po’ manager e un po’ coltivatore e ti piace condividere il sapere e i frutti del tuo lavoro puoi essere parte di questa comunità.

Siamo qui per darti una mano!

Dicci pure come possiamo aiutarti..