Storie Correlate

Andrea è il socio più giovane di Fattoria e ha subito trasferito l’autodisciplina e l’impegno del nuoto nel lavoro.
Snellire i processi, comprendere che l’azienda è una sola entità fatta di interconnessioni. Questa epoca rende ancora più urgente semplificare e trasferire a tutte le aree dell’azienda il principio dell’efficienza e dell’efficacia. Quindi, non solo la riorganizzazione della produzione, non più!

La Matrice di Covey.

Quello che non pianifichi prima o poi diventa un problema.

Non tutti abbiamo il talento dell’organizzazione e non per tutti risulta naturale pianificare la propria attività in modo efficace. Lungi da me far passare in concetto che si debba pianificare tutto, non tutto ha lo stesso valore ed è anche piacevole ogni tanto lasciare che le cose seguano il loro corso senza interferenze.

La nostra vita è un equilibrio di diversi contesti. Siamo individui, siamo figli, siamo genitori, siamo professionisti, siano un membro di una comunità e così via. Per ognuno di questi contesti dobbiamo prenderci la responsabilità dello specifico ruolo, dobbiamo essere proattivi. Quindi, dobbiamo pianificare tutto ciò che si rende necessario ad ottenere il risultato previsto per quel ruolo.

Per pianificare con successo le proprie attività, uno dei metodi più noti è la Matrice di Covey e consiste nel poter ottimizzare l’utilizzo del tempo posizionando le attività in 4 quadranti del tempo tenendo in considerazione l’importanza e l’urgenza. Le 4 categorie o quadranti, sono quelle nell’immagine: Q1 – Urgenze; Q2 – Pianificazione; Q3 – False urgenze; Q4 – Tempo residuo. 

Il principio che ispira la Matrice di Covey si spiega in una citazione famosa del presidente degli stati uniti Eisenhower: “ciò che è importante raramente è urgente e ciò che è urgente raramente è importante”.

Il vantaggio principale della Matrice di Covey risiede nel capire quali siano le priorità con lo scopo di poter gestire al meglio le scadenze. Per un manager significa anche gestire meglio le persone e aiutarle a loro volta e rimanere focalizzati sulle priorità e le relative scadenze.

Appare evidente che il professionista o il manager efficace, deve espandere il più possibile il quadrante 2 che è quella della pianificazione. Qualunque attività può essere programmata, a maggior ragione devono essere pianificate quelle attività che secondo il teorema di Pareto generano la maggior quantità di risultati. Infatti, il 20 % delle attività generano l’80% del valore. Un buon manager deve prima identificare quali siano le attività a maggior valore e poi pianificarle in modo meticoloso e mettendo delle scadenze irrevocabili.

Tutto ciò che non viene pianificato, prima o poi diventerà un’urgenza con effetti negati sullo stato d’animo del team e con il rischio che si generino errori operativi. Un manager che deve intervenire troppo spesso, per gestire urgenze, rischia di trasformarsi in un pompiere con l’estintore sempre in mano. Il manager efficace comprime in quadrante 1, quello delle attività urgenti e importanti, delega tutte le attività del quadrante 3 ai suoi collaboratori e si focalizza esclusivamente in attività di valore correttamente pianificate nel quadrante 2.

Il principale effetto che si ottiene applicando correttamente la Matrice di Covey è avere un’azienda che aumenta la sua produttività e che ottiene risultati costanti con grande soddisfazione di tutto il team. L’aumento della produttività è la diretta conseguenza del fatto che l’azienda ha iniziato ad aggredire i Costi di Non Qualità attuando un’organizzazione più efficiente ed efficace.

Tornando al concetto iniziale del talento, chi non lo possiede per sua natura, deve dotarsi di un metodo efficace che prevede l’acquisizione di tecniche specifiche e soprattutto, le deve applicare in modo costante. Credo che la difficoltà non risieda nel capire quanto questo modello sia efficace, il grande ostacolo e l’applicazione perché serve una grande disciplina, per mantenere il controllo utilizzando la Matrice di Covey. Per questo ti mettiamo a disposizione un nostro socio e consulente che possa venire nella tua azienda, fare insieme a te una fotografia della situazione, mappare il tuo talento e quello dei tuoi collaboratori e iniziare ad applicare la teoria attraverso una concreta pianificazione e l’attivazione delle giuste deleghe.

Ugo D’Alberto

Leggi anche

Per noi è un piacere vedere Deborah sotto il tetto di Fattoria dei talenti e non solo perché è la prima socia ad entrare, dopo la costituzione dei soci fondatori. Deborah è una persona appassionata e carica di energia, qualità che in Fattoria dei talenti sono indispensabili.
Andrea è il socio più giovane di Fattoria e ha subito trasferito l’autodisciplina e l’impegno del nuoto nel lavoro.
L’arrivo di Umberto in Fattoria dei Talenti è la dimostrazione che il nostro progetto è fatto sulle persone e sulla voglia di aggregare esperienze diverse, per dare ai nostri clienti tanti punti di vista e un solo risultato; il migliore. Umberto è un professionista solido, esperto in lean organization e ha lavorato in aziende molto strutturate.
La terra in Autunno è avvolta nel silenzio. Osservando la natura circostante, in questo momento vediamo che almeno in apparenza, la sua funzionalità vitale è ridotta ai minimi termini.
Sono sconcertato di come tante persone che incontro nella vita privata e nel lavoro facciano fatica ad accettare il cambiamento. Niente di nuovo, lo dicono tanti consulenti e formatori da anni. Il concetto di zona di comfort è ormai molto diffuso. E allora qual è il mio contributo?
Chi incontra Sonia per la prima volta sente la sua energia positiva, ha la capacità di trasferire fiducia ed equilibrio in pochi istanti.

Anche tu, come noi

Se anche tu, come me, ti senti un po’ manager e un po’ coltivatore e ti piace condividere il sapere e i frutti del tuo lavoro puoi essere parte di questa comunità.

Siamo qui per darti una mano!

Dicci pure come possiamo aiutarti..